Notice: Undefined offset: 4096 in /var/www/vhost/magazine.unior.it/platform/includes/common.inc on line 548

Notice: Undefined offset: 4096 in /var/www/vhost/magazine.unior.it/platform/includes/common.inc on line 555
Eventi e convegni | L'Orientale Magazine

Sign in | Log in

28. 03. 2010| Eventi e convegni

Logonimi e idea di traduzione nel De interpretatione recta di Leonardo Bruni

Una lezione di Clara Montella su testi prodotti tra XIV e XV secolo

10 Marzo 2010 – In occasione di una lezione con gli iscritti al Dottorato in Teoria delle Lingue e del Linguaggio, Clara Montella, professore di Teoria e storia della traduzione all’Orientale,ha descritto – attraverso l’opera di Leonardo Bruni – il rinnovamento che ha caratterizzato gli studi sulla traduzione e il conseguente cambiamento dei logonimi del tradurre tra il XIV e il XV secolo.
La terminologia traduttologica nel medioevo latino è ricca: i logonimi vertere e transferre (resi con i corrispettivi francesi tourner e translater, inglesi turn e translate e spagnolo trasladar); la terminologia del “De Optimo Genere Interpretandi” di San Girolamo con cui ha inizio la dicotomia tra la traduzione ad sententiam e quella ad verbum;l’interpres che designa un vaticinio che va oltre la semplice mediazione (interpres avium, interpres somnium, fides interpres, ecc.).
L’introduzione di un nuovo logonimo da parte di Leonardo Bruni appare come una scelta mirata e significativa, parte di una più ampia progettualità culturale: traductio è adoperato accanto agli altri termini latini dagli inizi del XV secolo e assume un valore iperonimico – fino a sostituire l'interpretatio che resta collegata principalmente all'esegesi e alle scritture religiose – godendo di ampia fortuna nelle lingue romanze (fr. traduire, it. tradurre, sp. traducir).
La figura di Leonardo Bruni, in questo quadro di riferimento, assume un rilievo particolare perché manifesta una forte coscienza metalinguistica e metastilistica e il necessario riconoscimento dell'autorialità del testo, segnando il distacco dalla tradizione medievale e proponendo un approccio filologico ai classici che vengono considerati nella loro completezza stilistica e contenutistica.

Autore: Azzurra Mancini

Trackback URL for this post:

http://magazine2.unior.it/trackback/825

Post new comment

The content of this field is kept private and will not be shown publicly.
  • Web page addresses and e-mail addresses turn into links automatically.
  • Lines and paragraphs break automatically.

More information about formatting options

Captcha
This question is for testing whether you are a human visitor and to prevent automated spam submissions.