Notice: Undefined offset: 4096 in /var/www/vhost/magazine.unior.it/platform/includes/common.inc on line 548

Notice: Undefined offset: 4096 in /var/www/vhost/magazine.unior.it/platform/includes/common.inc on line 555
Arte e cultura | L'Orientale Magazine

Sign in | Log in

30. 03. 2010| Arte e cultura

Wassyla Tamzali all’Orientale

La scrittrice franco-algerina ha incontrato gli studenti nella sede di via Chiatamone

Con un appuntamento a Palazzo Du Mesnil si è concluso il 24 marzo scorso il ciclo di incontri – nato dalla collaborazione tra il Grenoble e l’Orientale – con la scrittrice Wassyla Tamzali.
Il seminario del professore Mario Petrone, iniziato il 22 marzo con la presentazione del testo “Una passione algerina” (ed. Filema) all’Istituto francese di Napoli “Le Grenoble”, e seguito il giorno dopo con un dibattito sul tema della condizione delle donne del Mediterraneo, aveva previsto per l’ultima giornata l’incontro della scrittrice con gli studenti. In un contesto ricercatamente più informale, l’immediatezza di un contesto, ove possibile, colloquiale ha offerto l’occasione per conoscere – senza filtri mediatori – la scrittrice e il senso della sua vita activa.
Già promotrice di un movimento de-strutturalista della frustata quanto indolente coscienza euro-occidentale, Wassyla Tamzali guarda al passato quando si tratta di riscoprirsi identità; ma tiene tenacemente alla lotta moderna per l’uguaglianza attraverso l’educazione civile.
Di questi tre giorni trascorsi all'Orientale resta aggrappata alla mente l’idea dell’alternativa al potere dominante. La più volte citata utopia esce forse più debole dalle sale in cui si sono tenuti questi incontri. E’ stato interessante anche prendere atto, sul fronte linguistico, dell’attenzione dell’autrice verso alcuni termini a cui precedentemente si era attribuita l’etichetta d’univoca connotazione. La differenza, la modernità, l’atteggiamento multi-culturalista (in realtà sostanzialmente indifferente); e ancora, la responsabilità, la laicità, l’educazione, la donna.
A questo proposito, la scrittrice risponde alla domanda che apre il dibattito: “A cosa si deve la scelta editoriale de Une éducation algérienne come titolo del suo libro?”. E ancora: “All’interno del progetto di una desiderata ma ancora alquanto ambiziosa modernità culturale, quali necessarie condizioni rilanciano il pericoloso rapporto tra libertà, religiosità e controllo sociale?”
L’incontro si conclude con l’ultimo invito di Wassyla Tamzali: la revisione di ogni presunto sapere collettivo, alla ricerca di un agire – quanto mai prima – personalissimo.

Autore: Claudia Cacace

Trackback URL for this post:

http://magazine2.unior.it/trackback/827

Post new comment

The content of this field is kept private and will not be shown publicly.
  • Web page addresses and e-mail addresses turn into links automatically.
  • Lines and paragraphs break automatically.

More information about formatting options

Captcha
This question is for testing whether you are a human visitor and to prevent automated spam submissions.